Tuesday, 22 May 2018

cinture louis vuitton outlet Bene il Trattato se guarderà anche alla Cina

louis vuitton sito ufficiale catalogo Bene il Trattato se guarderà anche alla Cina

Nel primo albo di Asterix, ambientato nel 50 avanti Cristo, il legionario spia Caligula Minus ammira il fabbro Automatix forgiare metalli a mani nude, grazie alla pozione magica con cui gli irriducibili Galli di un piccolo villaggio dell resistono agli assalti delle centurie romane. Duemila anni dopo, s molti più robot in Italia (6.500 nel solo 2016, fonte Ifr) che in Francia (4.200), eppure è il nostro tessuto produttivo a sembrare impotente a resistere alle incursioni che vengono da Oltralpe.

Non sorprende che l che Francia e Italia stiano negoziando un trattato di cooperazione susciti grande interesse (molto più da noi a onor del vero, dato che i media gallici se ne sono per il momento olimpicamente disinteressati). Al di là degli aspetti politici, che ovviamente sono i più sostanziali, traspare la speranza che, con questo gesto magnanimo, Emmanuel Macron intenda cooperare sul fronte industriale su basi paritarie, allontanando i timori che l sia condannata a un ruolo sussidiario e ancillare.

In effetti le relazioni sono abbastanza squilibrate: i lavoratori italiani con un datore di lavoro francese nel 2015 sono quasi 254mila (per l’Istat, meno per l’Insee), ma in ogni caso molti di più dei francesi che lavorano per un padrone italiano (88mila, più per l’Insee). Alla Francia corrisponde più di un quinto dell’occupazione estera in Italia, al Belpaese meno di un ventesimo di quella estera in Francia. Sia passivo (il 12% dei salariati lavora per multinazionali estere, 1,9 milioni di persone, rispetto al 7,7% italiano, per 1,3 milioni di salariati), sia attivo (sono 5,5 milioni le persone nel mondo che lavorano per una multinazionale francese, per un fatturato complessivo di 1.248 miliardi di euro, quando le cifre corrispondenti per l’Italia sono 1,8 milioni e 544 miliardi di euro).

Un’altra causa è la paucità delle grandi imprese italiane: sono otto tra le Fortune 500, mentre ci sono 29 multinazionali francesi. Oltretutto, che la spiegazione non risieda nel protezionismo lo dimostra il commercio bilaterale, dove l’Italia registra un avanzo (di 3,1 miliardi di euro nel primo semestre 2017, in crescita da 2,8 miliardi di euro nel semestre precedente). Varrà la pena guardare più nel dettaglio l’import export dei gruppi francesi in Italia e italiani in Francia per capire il loro rispettivo contributo al commercio bilaterale.

Come già sostenuto su queste colonne a luglio, la vicenda Fincantieri Stx è paradossale: l’Eliseo sostiene con determinazione l’opportunità di una politica industriale continentale,
cinture louis vuitton outlet Bene il Trattato se guarderà anche alla Cina
per poi metterci il becco quando un gruppo europeo vuole consolidare un settore importante come la cantieristica. Va dato atto al governo Gentiloni di essersi mosso bene per arginare questo rigurgito di nazionalismo, anche se in termini di sinergie la soluzione appare meno efficace di quanto inizialmente proposto dal gruppo triestino. Perché non valga per i nostri imprenditori in Francia il commento di Chateaubriand paesi incantati dove vi accoglie il nulla sono aridi benvenuto pertanto il Trattato del Quirinale se serve a rafforzare la fiducia reciproca e promuovere interessi comuni, per esempio iniziative (ovviamente con la Germania e altri partner europei) nei confronti della Cina, perché a liberi investimenti delle multinazionali rosse in Europa corrispondano equivalenti possibilità nel Regno di Mezzo.

In un mondo in cui esiste una concorrenza feroce per le sedi delle grandi multinazionali, c’è troppa leggerezza sul tema. Si celebrano come successi nazionali vicende che di tricolore hanno poco: Luxottica (il cui proprietario è ormai maggiore azionista di una società francese che accorpa l’italiana), Ferrero (una società lussemburghese di proprietà di una famiglia imprenditoriale piemontese), Ynap (che ormai sarà una filiale, ancorché importante, di un gruppo svizzero proprietà di una dinastia sudafricana). Studiare seriamente le conseguenze delle acquisizioni per disegnare politiche virtuose e definire l’interesse nazionale nelle trattative intergovernative, anche con paesi amici come la Francia: ecco un altro bel tema da affidare al Consiglio nazionale della produttività, quando finalmente verrà istituito anche in Italia, verosimilmente ultima in Europa.

Il Sole 24 ORE incoraggia i lettori al dibattito ed al libero scambio di opinioni sugli argomenti oggetto di discussione nei nostri articoli. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. Non verranno peraltro pubblicati contributi in qualsiasi modo diffamatori, razzisti, ingiuriosi, osceni, lesivi della privacy di terzi e delle norme del diritto d’autore, messaggi commerciali o promozionali, propaganda politica.

Finalità del trattamento dei dati personali

I dati conferiti per postare un commento sono limitati al nome e all’indirizzo e mail. I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell’utente. Il Sole 24 ORE si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Ogni ulteriore diffusione dei dati anagrafici dell TMutente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso a titolo esemplificativo il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti,
cinture louis vuitton outlet Bene il Trattato se guarderà anche alla Cina
senza corrispettivo in Suo favore.