Sunday, 20 May 2018

orologio louis vuitton Alimenti da non dare a cane e gatto

pochette louis vuitton Alimenti da non dare a cane e gatto

Purtroppo non posso fare a meno di notare come ci sia una totale disinformazione per quanto riguarda la corretta alimentazione dei nostri pet. Non sto parlando dell’eterna diatriba fra alimentazione commerciale e casalinga, fra dieta naturale e dieta Barf, no, qui parlo dei basilari. Ci sono ancora persone convinte che se il cane mostra gradimento per un cibo, allora di sicuro quel cibo non gli farà male. Peccato che il salamino piccante non sia proprio l’ideale per il nostro cane.

Prima di tutto dobbiamo entrare nell’ottica di idee che l’intestino del cane e del gatto non è equivalente al nostro intestino. Ciò porta alla seconda considerazione, ovvero dal punto di vista alimentare ed educativo il cane deve essere considerato un cane e il gatto un gatto, non un piccolo umano in miniatura. Terzo, non tutto ciò che piace fa bene alla salute: a me piacciono patatine e fritti, ma dire che facciano bene alla salute è un altro discorso.

A beneficiare di una corretta alimentazione sarà in primis il vostro cane e il vostro micio, in secondo luogo voi perché non dovrete sborsare soldi per curare continuamente diarree, vomiti, pancreatiti, allergie alimentari e via dicendo e in terzo luogo anche il veterinario. Avete idea di quanto sia frustrante per un veterinario sentirsi aggredire continuamente da proprietari imbufaliti perché il loro pet non guarisce da vomiti e diarree cronici o da allergie alimentari e poi scoprire che non viene fatta la dieta corretta, ma che quel cane si mangia mortadella e cappelletti in brodo tutti i giorni? Suvvia, un po’ di sano esame di coscienza farebbe bene a tutti. Vuoi che i sintomi del cane o del gatto passino? Devi attenerti strettamente alla dieta indicata dal tuo veterinario. Ti spiace che il cane non possa mangiare gli avanzi di lasagne e vuoi darglieli lo stesso? Il pet è tuo, la responsabilità della sua salute è alla fine tua, solo poi non ti andare a lamentare di quanto costano i farmaci o il veterinario se continui a dargli i cibi sbagliati, che ognuno si assuma le proprie responsabilità.

Alimenti da non dare ai caniOvviamente non posso indicare proprio tutti gli alimenti da non dare, è impossibile fare un elenco anche perché ho notato che i proprietari in merito hanno una ricca fantasia: devo forse elencare ogni singolo primo piatto, lasagne, cappelletti, tortellini, tagliatelle al sugo e via dicendo? Ci va un po’ di buon senso. Comunque ecco gli alimenti da non dare mai ai cani:

avanzi da tavola: ovvio che gli piacciono di più, ma l’intestino del cane non è strutturato per digerire i condimenti dell’alimentazione umana. Per avanzi intendo anche i cappelletti in brodo cucinati appositamente per lui

ossa: ne avevo già parlato in precedenza, rischiamo perforazioni intestinali, emorragie e blocchi intestinali

cioccolata: vero e proprio veleno per i cani, non hanno gli enzimi necessari per eliminarla dall’organismo

cipolla (e aglio): vale soprattutto per il gatto, ma anche nel cane è bene non dare cipolla e aglio. Attenzione poi agli omogeneizzati per bambini dati in casi particolari, scegliete quelli senza cipolla

caffè, te: vedi il discorso della cioccolata

uva e uvetta

pollo crudo: troppo alto il rischio di Salmonellosi

lardo, salame, mortadella, pancetta, salumi in generale: vi sembrano gli alimenti ideali per un cane? Ci credo che poi abbiamo numerosi cani con pancreatite!

uova crude: o meglio, l’albume, cioè il bianco dell’uovo, contiene l’avidina, una sostanza che blocca l’assorbimento della biotina, una vitamina del gruppo B

pesce crudo: contiene un’anti tiaminasi, ovvero una sostanza che blocca l’assorbimento della tiamina

dolci: di qualsiasi natura e genere, inclusi i gelati, predispongono al diabete mellito

bevande zuccherate: vedi il discorso diabete mellito

sale: severamente vietato aggiungere sale nella dieta del cane per preservare i reni il più possibile e non aggravare patologie cardiache

formaggi e latte: il problema è che se di tanto in tanto dai un pezzettino di mozzarella al cane, probabilmente non succede nulla. Ma se al proprietario dici “Ogni tanto puoi dargli un pezzettino di mozzarella”, lui recepirà “Tutti i giorni posso dare la gorgonzola al cane”. Non sto scherzando, è la pura e semplice constatazione dei fatti. Per quanto riguarda il latte, invece, i cani non hanno gli enzimi intestinali necessari per digerirlo e provoca diarrea

cibi per gatti: sono troppo proteici per il cane e sovraccarichiamo i reni

frutta: troppo zuccherina, vedi il rischio diabete mellito

avanzi da tavola: se è difficile bloccare una diarrea nel cane, nel gatto lo è ancora di più, specie se associata ad errata alimentazione e mal digestione

cibi per cani: troppo poveri di proteine

cipolle e aglio: provocano una forma di anemia emolitica letale

uovo crudo: di nuovo sempre per il problema dell’avidina che blocca l’assorbimento della biotina, una vitamina del gruppo B

pesce crudo: di nuovo qui abbiamo l’anti tiaminasi. Ora, il discorso è questo: se una volta ogni morte di papa do al gatto un sardoncino, probabile che non succeda nulla. Ma per il principio secondo il quale io, veterinaria, dico “Ogni tanto puoi dargli un sardoncino crudo” e il proprietario interpreta a modo suo “Puoi dargli tutti i giorni pesce crudo, anzi, d’ora in poi il gatto dovrà mangiare solo pesce crudo”, ecco che allora è bene evitare ogni tentazione

pollo crudo: sempre per il rischio Salmonellosi

cioccolata: stesso discorso del cane, è un veleno

ossa: sempre perché creano emorragie intestinali, perforazione intestinale e blocco intestinale

lische di pesce: di nuovo finiscono per rimanere incastrate da qualche parte e causare grave sintomatologia
orologio louis vuitton Alimenti da non dare a cane e gatto